mercoledì 18 dicembre 2013

STONE THERAPY E BENESSERE

La terapia delle pietre, comunemente conosciuta con il nome inglese di stone therapy, è un'antica tecnica termale multisensoriale mista, utilizzata per rilassare il corpo tramite una sequenza termica alternata di pietre bianche e nere (termoterapia di contrasto).

La scelta delle pietre ha un'importanza fondamentale per effettuare il massaggio in maniera professionale.
Esistono fondamentalmente due tipi di pietre utilizzate nella termoterapia di contrasto: le pietre nere di origine vulcanica, e le pietre bianche, di solito di marmo.
Le pietre nere di origine vulcanica possiedono un'evevata conduttività termica. Ció significa che trattengono il calore molto a lungo e lo cedono altrettanto lentamente alla pelle.
Le pietre più ambite e costose sono le pietre laviche nere dell'Etna. Queste vengono riscaldate fino a 60 o 70 gradi centigradi prima di essere utilizzate sul corpo.
Le pietre bianche sono invece sassi chiari di fiume o di mare, spesso di marmo, ma anche pietre di quarzite o altre pietre semi-preziose.
Si tratta di pietre che possiedono una bassa conducibilità termica, vale a dire che trattengono il freddo più a lungo e portano via meglio il calore dal corpo. Le pietre bianche vengono messe in frigo o in freezer prima dell'utilizzo.
La stone therapy prevede l'utilizzo di 72 pietre, di cui 54 nere e 18 bianche, di tutte le forme e misure, che vengono posizionate ed utilizzate su diversi punti del corpo, per cedere e assorbire il calore e massaggiare con sapienti movimenti, lenti e circolari.
Il kit della Stone Therapy si può acquistare su internet e presenta prezzi differenti a seconda delle pietre contenute in esso. Un kit decente dovrebbe assolutamente contenere almeno una decina di pietre facciali, alcune pietre allungate, almeno due pietre di grandi dimensioni, due pietre sacrali, due pietre affusolate per il collo, due arrotondate per braccia e gambe, due sottili per scapole e schiena.
Online si puó acquistare anche il riscaldatore delle pietre.
Diciamo la veritá, le pietre possono anche essere riscaldate in forno o addirittura in acqua e sale, in modo da assimilare il calore in modo piú lento e graduale, ma il riscaldatore risulta molto piú comodo da utilizzare in quanto esso mantiene la temperatura perfetta per le pietre.
La tecnica base prevede prima l'utilizzo delle pietre calde.
Le pietre laviche vengono quindi posizionate lungo la schiena, su alcuni punti nevralgici chiamati chakra, in modo che i canali energetici vengano aperti grazie al calore.
Il massaggio con le pietre calde viene quindi effettuato sull'addome.
In un secondo momento vengono utilizzate le pietre bianche fredde e le pietre nere calde con una sequenza termica alternata che permette di riattivare la circolazione ed attenuare gli inestetismi della cellulite, se unita ad un massaggio linfodrenante.
La stone therapy viene infine estesa anche al viso per tonificare ed attenuare gli effetti dell'età.
Per saperne di piú su trattamenti benessere e localitá termali vai su Termelandia It!

A presto!
Il Team di Termelandia.It

lunedì 2 dicembre 2013

LA SALUTE (E LA BELLEZZA) PASSA PER I FANGHI TERMALI

Quando si parla di Terme, viene sempre in mente una bella donna, stesa su un asciugamano, con gli occhi chiusi, tutta coperta di fango.

L'immagine evoca uno dei trattamenti classici che si puó effettuare in qualsiasi centro termale o di benessere, dato che i fanghi termali sono considerati un vero toccasana per ogni tipo di pelle.
La veritá è peró che non basta sottoporsi ad una qualsiasi seduta di fanghi per ottenere i risultati sperati, dato che ogni tipo di pelle ha bisogno di un fango specifico, e di fanghi termali ne esistono a bizzeffe.
Proprio per questo con il 'fai da te' non sempre si ottengono i risultati sperati.
Non tutti sanno infatti che i fanghi non sono composti semplicemente da argilla ed acqua.
O meglio, la base è composta da argilla ed acqua (tra l'altro non 'semplice argilla'  e nemmeno 'semplice acqua') ma, senza un 'attivatore organico' o un catalizzatore, il miscuglio rimarrá un semplice miscuglio!
I fanghi vengono infatti lavorati con acqua marina riscaldata o con specifiche acque termali, con l'aggiunta di specifici alghe o batteri che 'maturano' il composto per lunghi periodi di tempo, prima di poter essere utilizzati con qualche risultato sulla nostra pelle.
I fanghi termali piú pregiati sono comunque quelli che si trovano in natura.
Si tratta di fanghi prelevati da laghetti di origine vulcanica o fondali marini in cui riposano da tempi remoti.
Poi esistono i fanghi artificiali, cioé quelli 'confezionati' direttamente dai centri termali.
In questo caso si tratta pur sempre di una sostanza solida ed inorganica, di solito argilla, mischiata con acqua termale e sostanze organiche, come alghe o batteri.
In particolare sembra che, tra tutte le cure termali, i fanghi siano un efficace rimedio contro il problema dell'acne, vero e proprio incubo non solo per gli adolescenti.
Secondo studi medici, la fatidica acne risulta attenuata ed in alcuni casi definitivamente guarita, grazie alle sostanze antibatteriologiche e lenitive unite ai fanghi termali.
Notevoli i risultati per chi soffre di psoriasi.
Le cure termali a base di fanghi sono inoltre utilizzate per rendere morbida e per levigare la pelle del viso, risvegliando il colorito ed eliminando l'eccesso di sebo, oltre che ad essere un ottimo rimedio per brufoli e punti neri.
Gli impacchi di fango vengono inoltre utilizzati per trattare patologie legate al ristagno dei liquidi.
La benefica azione dei fanghi termali su tutto il corpo avviene infatti per osmosi, in quanto i principi attivi mescolati con il fango penetrano nei pori dilatati grazie al calore creato dalla strato isolante di fango applicato sulla pelle.
Oltre ad un rimedio cosmetico, i fanghi sono ritenuti validi strumenti nella cura dei reumatismi e dell'osteoporosi.
Sono efficaci anche sui capelli, in quanto regolarizzano la produzione di forfora e rivitalizzano il fusto del capello.

A presto!
Il Team di Termelandia.It