sabato 13 aprile 2013

LE ACQUE BICARBONATE

Dedichiamo questo post alle Acque Bicarbonate, conosciute ed utilizzate per combattere molte patologie a carico dell'apparato digerente.


Le acque bicarbonate sono il tipo di acqua più presente allo stato naturale.
Dal punto di vista della classificazione chimico-fisica si possono catalogare in tre tipi, a seconda del tipo di minerale disciolto in soluzione: sodiche, calciche e miste.
Sono caratterizzate dalla presenza di anidride carbonica, acido carbonico e bicarbonati.
Sono sostanzialmente acque di tipo alcalino (non acide) se è presente il sodio; se invece nella sua composizione chimica prevalgono il calcio ed il magnesio, le acque bicarbonate diventano alcalino-terrose.
A seconda del grado di mineralizzazione poi, le acque bicarbonate si possono suddividere in acque bicarbonate oligominerali (media e bassa mineralizzazione), utilizzate soprattutto nelle cure idropiniche (assunzione orale via bibita), ed acque bicarbonate minerali (alta mineralizzazione), usate invece nella crenoterapia esterna (fanghi termali e balneoterapia) ed interna (cure inalatorie e irrigazioni di vario tipo).
Come giá detto, gli studi effettuati sulle acque bicarbonate hanno evidenziato la possibilità di utilizzare questo tipo di acque per combattere molte patologie a carico dell'apparato digerente.
L'azione fisiologica delle acque bicarbonate infatti dissolve il muco e stimola la contrattività dello stomaco. Sono utilizzate per neutralizzare l'acidità gastrica: bevute durante i pasti hanno l'effetto di accelerare lo svuotamento gastrico, mentre lontano dai pasti, o a digiuno, tamponano la cosiddetta acidità di stomaco.
Le acque bicarbonate oligominerali, vengono usate nelle patologie legate alla diuresi, mentre a livello dell'apparato epatobiliare, stimolano la produzione della bile.
Attualmente e' in fase di studio il potenziale ruolo dietetico e terapeutico delle acque bicarbonate, soprattutto nell'ambito della crescita e sviluppo dei neonati, nelle diete degli sportivi, negli stati ipertensivi ed anche nell'osteoporosi.
Alcuni studi sembrano infatti portare alla conclusione che questo tipo di acque nella dieta dei lattanti aiuta a contrastare il vomito persistente, mentre nella dieta degli sportivi sembra in grado di neutralizzare la produzione eccessiva di acido lattico.
Sebbene invece il calcio aiuti a prevenire l’osteoporosi e l'assimibilità di questo minerale dipenda dalla cosiddetta biodisponibilità di ciascun tipo di alimento, la bassissima quantità di minerale ingerito tramite bibita non è assolutamente sufficiente a guarire, nel breve periodo, problemi relativi ad una grave carenza di calcio o addirittura dall'osteoporosi, anche se, vista ne lunghissimo periodo, l'assunzione di questo tipo di acqua puó aiutare a prevenire il problema.
Ricordiamo che le terapie effettuate alle terme e relative all'assunzione di bibite bicarbonate sono davvero efficaci se le acque vengono assunte alla fonte, mentre diminuiscono la loro efficacia mano a mano che, tramite imbottigliamento, stoccaggio, trasporto, riapertura della bottiglia, ci allontaniamo fisicamente e temporalmente dallo sgorgare dell'acqua dalla sorgente termale.

Per maggiori informazioni sulle acque termali, Vi invitiamo a consultare la sezione relativa, all'indirizzo: http://www.termelandia.it/acqueminerali/

A presto!
Il Team di Termelandia.It