mercoledì 18 dicembre 2013

STONE THERAPY E BENESSERE

La terapia delle pietre, comunemente conosciuta con il nome inglese di stone therapy, è un'antica tecnica termale multisensoriale mista, utilizzata per rilassare il corpo tramite una sequenza termica alternata di pietre bianche e nere (termoterapia di contrasto).

La scelta delle pietre ha un'importanza fondamentale per effettuare il massaggio in maniera professionale.
Esistono fondamentalmente due tipi di pietre utilizzate nella termoterapia di contrasto: le pietre nere di origine vulcanica, e le pietre bianche, di solito di marmo.
Le pietre nere di origine vulcanica possiedono un'evevata conduttività termica. Ció significa che trattengono il calore molto a lungo e lo cedono altrettanto lentamente alla pelle.
Le pietre più ambite e costose sono le pietre laviche nere dell'Etna. Queste vengono riscaldate fino a 60 o 70 gradi centigradi prima di essere utilizzate sul corpo.
Le pietre bianche sono invece sassi chiari di fiume o di mare, spesso di marmo, ma anche pietre di quarzite o altre pietre semi-preziose.
Si tratta di pietre che possiedono una bassa conducibilità termica, vale a dire che trattengono il freddo più a lungo e portano via meglio il calore dal corpo. Le pietre bianche vengono messe in frigo o in freezer prima dell'utilizzo.
La stone therapy prevede l'utilizzo di 72 pietre, di cui 54 nere e 18 bianche, di tutte le forme e misure, che vengono posizionate ed utilizzate su diversi punti del corpo, per cedere e assorbire il calore e massaggiare con sapienti movimenti, lenti e circolari.
Il kit della Stone Therapy si può acquistare su internet e presenta prezzi differenti a seconda delle pietre contenute in esso. Un kit decente dovrebbe assolutamente contenere almeno una decina di pietre facciali, alcune pietre allungate, almeno due pietre di grandi dimensioni, due pietre sacrali, due pietre affusolate per il collo, due arrotondate per braccia e gambe, due sottili per scapole e schiena.
Online si puó acquistare anche il riscaldatore delle pietre.
Diciamo la veritá, le pietre possono anche essere riscaldate in forno o addirittura in acqua e sale, in modo da assimilare il calore in modo piú lento e graduale, ma il riscaldatore risulta molto piú comodo da utilizzare in quanto esso mantiene la temperatura perfetta per le pietre.
La tecnica base prevede prima l'utilizzo delle pietre calde.
Le pietre laviche vengono quindi posizionate lungo la schiena, su alcuni punti nevralgici chiamati chakra, in modo che i canali energetici vengano aperti grazie al calore.
Il massaggio con le pietre calde viene quindi effettuato sull'addome.
In un secondo momento vengono utilizzate le pietre bianche fredde e le pietre nere calde con una sequenza termica alternata che permette di riattivare la circolazione ed attenuare gli inestetismi della cellulite, se unita ad un massaggio linfodrenante.
La stone therapy viene infine estesa anche al viso per tonificare ed attenuare gli effetti dell'età.
Per saperne di piú su trattamenti benessere e localitá termali vai su Termelandia It!

A presto!
Il Team di Termelandia.It

lunedì 2 dicembre 2013

LA SALUTE (E LA BELLEZZA) PASSA PER I FANGHI TERMALI

Quando si parla di Terme, viene sempre in mente una bella donna, stesa su un asciugamano, con gli occhi chiusi, tutta coperta di fango.

L'immagine evoca uno dei trattamenti classici che si puó effettuare in qualsiasi centro termale o di benessere, dato che i fanghi termali sono considerati un vero toccasana per ogni tipo di pelle.
La veritá è peró che non basta sottoporsi ad una qualsiasi seduta di fanghi per ottenere i risultati sperati, dato che ogni tipo di pelle ha bisogno di un fango specifico, e di fanghi termali ne esistono a bizzeffe.
Proprio per questo con il 'fai da te' non sempre si ottengono i risultati sperati.
Non tutti sanno infatti che i fanghi non sono composti semplicemente da argilla ed acqua.
O meglio, la base è composta da argilla ed acqua (tra l'altro non 'semplice argilla'  e nemmeno 'semplice acqua') ma, senza un 'attivatore organico' o un catalizzatore, il miscuglio rimarrá un semplice miscuglio!
I fanghi vengono infatti lavorati con acqua marina riscaldata o con specifiche acque termali, con l'aggiunta di specifici alghe o batteri che 'maturano' il composto per lunghi periodi di tempo, prima di poter essere utilizzati con qualche risultato sulla nostra pelle.
I fanghi termali piú pregiati sono comunque quelli che si trovano in natura.
Si tratta di fanghi prelevati da laghetti di origine vulcanica o fondali marini in cui riposano da tempi remoti.
Poi esistono i fanghi artificiali, cioé quelli 'confezionati' direttamente dai centri termali.
In questo caso si tratta pur sempre di una sostanza solida ed inorganica, di solito argilla, mischiata con acqua termale e sostanze organiche, come alghe o batteri.
In particolare sembra che, tra tutte le cure termali, i fanghi siano un efficace rimedio contro il problema dell'acne, vero e proprio incubo non solo per gli adolescenti.
Secondo studi medici, la fatidica acne risulta attenuata ed in alcuni casi definitivamente guarita, grazie alle sostanze antibatteriologiche e lenitive unite ai fanghi termali.
Notevoli i risultati per chi soffre di psoriasi.
Le cure termali a base di fanghi sono inoltre utilizzate per rendere morbida e per levigare la pelle del viso, risvegliando il colorito ed eliminando l'eccesso di sebo, oltre che ad essere un ottimo rimedio per brufoli e punti neri.
Gli impacchi di fango vengono inoltre utilizzati per trattare patologie legate al ristagno dei liquidi.
La benefica azione dei fanghi termali su tutto il corpo avviene infatti per osmosi, in quanto i principi attivi mescolati con il fango penetrano nei pori dilatati grazie al calore creato dalla strato isolante di fango applicato sulla pelle.
Oltre ad un rimedio cosmetico, i fanghi sono ritenuti validi strumenti nella cura dei reumatismi e dell'osteoporosi.
Sono efficaci anche sui capelli, in quanto regolarizzano la produzione di forfora e rivitalizzano il fusto del capello.

A presto!
Il Team di Termelandia.It

mercoledì 13 novembre 2013

GROTTE TERMALI

Quando si parla di grotte termali la confusione regna quasi sovrana.

Sará forse perché le grotte termali naturali non si possono trovare dietro l'angolo e di grotte artificiali c'é n'é talmente tante, ma nessuna puó concorrere con le originali.
Fatto sta che alla domanda 'Cos'è una grotta termale', molta gente non sa cosa rispondere.
Le grotte termali naturali sono, in ultima istanza, delle cavitá geologiche, dove sgorgano acque ipertermali, le quali creano un particolare microclima adatto per effettuare saune e bagni di vapore.
In pratica il trattamento termale consiste nell'introdurre il paziente, sotto stretto controllo medico, in queste grotte, facendogli inspirare per brevi periodi di tempo, le emissioni di vapore prodotte dall'acqua ipertermale che va raffreddandosi.
Le emissioni di vapore 'naturali' sono generalmente associate a fenomeni di natura vulcanica attiva o direttamente derivanti dal carsismo.
Il tempo di permanenza nelle grotte termali è in media compreso tra i 15 ed i 60 minuti, a seconda della prescrizione medica.
Le grotte termali 'naturali' non sono moltissime, sia in Italia che all'estero, perció spesso il paziente si troverá di fronte a grotte 'vere' (nel senso che le cavitá geologiche sono ' grotte vere'), ma l'immissione della sorgente di acqua ipertermale per creare l'ambiente è artificiale.
Molto piú spesso sia la grotta che l'immissione di acqua termale sono artificiali.
Esistono moltissimi tipi di grotte termali, le quali differiscono per il tipo di acqua termale utilizzata e per la sua composizione chimica, per il tasso di umidità, per la presenza e composizione di eventuali gas termali, per la composizione delle rocce che formano l'ambiente ed il grado di ionizzazione dell'aria.
In tutti i casi, il trattamento termale, secondo il parere degli esperti, coadiuva il trattamento delle malattie del ricambio, delle affezioni delle vie respiratorie, delle forme neuroartritiche, e apporta notevoli benefici nei pazienti bisognosi di riabilitazione post trauma.
Le grotte sembrano anche apportare particolari benefici anche in pazienti affetti da problemi dermatologici e ginecologici.
Le grotte termali provocano un'intensa sudorazione, la quale favorisce l'eliminazione delle scorie metaboliche, esplica un'azione disintossicante, attiva la circolazione e tonifica tutto l'organismo.
Ricordiamo peró che non tutti possono usufruire dei benefici delle grotte termali.
Per alcune categorie di persone infatti, questo tipo di trattamento puó risultare deleterio.
E' importantissimo per questo rivolgersi al proprio medico curante per assicurarsi della propria idoneitá alla terapia descritta.
In tutti i casi, una visita di controllo cardio-circolatorio verrá effettuata sul paziente nel centro termale 'prima' di poter accedere alle grotte termali.
Sconsigliamo in modo assoluto il fai da te!
Le principali località termali frequentate per questo tipo di terapia termale sono le Terme di Vinadio, le Terme di Ischia, le Terme di Agnano, le Terme di Sciacca.

A presto!
Il Team di Termelandia.It

martedì 29 ottobre 2013

RISPARMIARE ALLE TERME

Risparmiare! Risparmiare! Risparmiare!

Purtroppo negli ultimi tempi la questione 'risparmio' non è piú un'opzione adottata dai soli virtuosi dell'economia casalinga, ma è un 'must' ormai consolidato.
Risparmiare sulla spesa, risparmiare sullo shopping, risparmiare sulle vacanze!
Restiamo sulla questione 'Risparmio Vacanze'. Okay, di questi tempi sembra giá difficile poter parlare di vacanze, ma quando si tratta di prenotare un pacchetto vacanze, alzi la mano chi non ha mai dato un'occhiata ai last minute? E cosa dire dei centri termali e benessere? Ricercatissimi, ma, diciamolo, cari!
Per la gioia del popolo dei risparmiatori, oggi trattiamo brevemente di 'Terme Libere'. Dove con la parola 'libere' intendiamo 'Terme con entrata gratuita'.
Non è un sogno, né uno scherzo. Esistono davvero e sono precisamente delle aree termali naturali completamente libere, con sorgenti di acqua naturale non captata dagli stabilimenti termali 'a pagamento', dove é possibile, con tutte le precauzioni del caso, usufruire di basilari trattamenti termali, come fanghi e balneoterapia.
Si tratta di pozze di acqua, piscine termali naturali, piccole cascate, manifestazioni di termalismo secondario, a cielo aperto, senza alcun controllo e, soprattutto, senza spendere un centesimo!
Davvero non avete mai sentito parlare delle Terme di Saturnia?
Il sito presenta un'intera sezione, ancora aperta, che presenta questi piccoli gioielli della natura, location custodite gelosamente dalla saggezza popolare.
Un toccasana per chi sogna trattamenti termali, ma non ha la possibilitá di accedere nei lussuosi centri termali.
Ci sono tantissime location: per esempio nel Nord Italia le Terme Libere di Saturnia o le Terme Libere di Bagno Vignoni; nel Centro Italia le Terme Libere Piscine Carletti o le Terme Libere di San Sisto ; nel Sud Italia le Terme Libere di Cerchiara, le Terme Libere di Ischia, etc...
Consigliamo, come é nostra prassi, un preventivo controllo medico prima di recarvisi, in quanto non tutti i tipi di terapie legate al Termalismo sono usufruibili da chiunque.
E soprattutto raccomandiamo di RISPETTARE ed amare questi posti, perché la loro custodia dipende solo da noi.

A presto!
Il Team di Termelandia.It


giovedì 3 ottobre 2013

TERME SVIZZERA

Ricca, neutrale e... termale!

Parliamo di Svizzera: sempre all'onore della cronaca per fatti finanziari, per le sue banche, per tesoretti nascosti da italiani tuttofare.
Per una volta guardiamola invece da un punto di vista differente: ecco a Voi la Svizzera termale.
La Svizzera è una terra ricchissima di località termali. Sorgenti molto rinomate e frequentate da turisti di mezza Europa sin da tempi immemorabili.
Le localitá termali svizzere piú conosciute sono sicuramente quelle che offrono l'abbinamento Terme - Settimana Bianca.
Immaginate un soggiorno tra massaggi, trattamenti termali e discese libere in localitá da sogno: Paradise!
Se questo è il vostro target le Terme di Leukerbad fanno per voi: con un unico conveniente abbonamento a Leukerbad (nel Vallese, raggiungibile attraverso il Passo del Sempione) si ottiene sia il pass neve, sia il pass per l'ingresso a tutti gli impianti termali pubblici e privati.
Consigliamo anche le Terme di Scuol,  nel Canton Grigioni, sulla tratta ferroviaria Roma-Zurigo. Più di 80 Km di piste sciistiche ed un'offerta termale invidiabile.
La Bassa Engadina e Scuol sono facilmente raggiungibili con il famoso trenino rosso che parte da Sant Moritz.
Sempre nel Canton Grigioni troviamo invece le Terme di Andeer, con alcuni centri termali di livello superiore. Qui è possibile effettuare escursioni tra gole e pareti rocciose alte fino a 300 metri, tra ripide stradine, un tempo mulattiere, e cascate da sogno.
Da non perdere le Terme di Vals, immerse tra boschi e giacimenti di quarzite blu.
Canton Vallese: Terme di Ovronnaz. Acque ipertermali e un paesaggio alpino da favola. Nello specifico le terme sfruttano le acque di tipo solfato calciche che sgorgano da differenti sorgenti ad una temperatura compresa tra i 36 e 40° C.
Canton Argovia: Terme di Baden. Antichissime ed apprezzate da Nietzshe e Goethe. A soli 25 km da Zurigo. Baden ospita ben 19 fonti naturali di acqua termale, che sgorga a temperature fino a 47°C. Esistono alcune terme libere, ma le proposte wellness piú interessanti si trovano per lo più nelle terme private e nei numerosi hotel termali per cui Baden è conosciuta.
Canton Ticino: Terme di Stabio, con le sue acque solforose. Si tratta comunemente di acque dal caratteristico e nauseabondo odore di uova marce, utilizzate con risultati a dir poco miracolosi in balneoterapia, fangoterapia e terapie inalatorie.
Ancora non siete convinti?
Date uno sguardo alla sezione di Termelandia.It relativa alle Terme Svizzere.
Buon benessere a tutti!

A presto!
Il Team di Termelandia.It

venerdì 27 settembre 2013

FRANCIA E TALASSOTERAPIA

COME L'ITALIA, ANCHE LA FRANCIA E' SOGGETTA AD IMPORTANTI FENOMENI OROGRAFICI, DA CUI DI DIPENDONO LA MAGGIORANZA DELLE MANIFESTAZIONI TERMALI PRESENTI SUL SUO TERRITORIO.

Parliamo di sorgenti di acqua caldissima che sgorgano dalle pendici di montagne vulcaniche, laghetti gorgoglianti, fanghi di primissimo ordine.
Nonostante tutto, peró, le Terme in Francia risultano piú votate alla pratica della talassoterapia, cioè a quella terapia che sfrutta gli effetti benefici dell'acqua marina e dei suoi derivati.
Non stiamo dicendo che i trattamenti termali classici siano disdegnati nei piú o meno lussuosi complessi termali francesi! Ci permettiamo solo di constatare che 'terme' in Francia quasi equivale a 'talassoterapia'.
Le terapie piú richieste sono infatti quelle legate a trattamenti effettuati con acqua di mare, e perció le localitá termali piú rinomate sono situate lungo la costa atlantica e sulla costa mediterranea, mentre altre localitá, legate a sorgenti di acqua non marina, sono situate a ridosso delle Alpi, nell'est della Francia.
Iniziamo dalla Bretagna. La regione dove la talassoterapia ha una tradizione più radicata.
Numerosissime le località termali famose, tra cui Arzon e Carnac, nel golfo di Morbihan, le Terme di Dinard nella Costa di Smeraldo, le Terme di Quiberon e di Saint-Malo, a stretto contatto con tradizioni e cultura bretone, bagnate dalle leggende di Merlino, del Santo Graal, di Tristano e Isotta, ma molto piú conosciute per le sue prelibatezze gastronomiche.
Anche l'Aquitania, tra l'Oceano e la Spagna, offre stupende localitá termali, tra cui Anglet e Biarritz, Dax, Margaux, tutti affiancati da ricercatissimi club golfistici e sportivi.
Anche la tradizione mediterranea offre siti termali apprezzatissimi dai cultori del benessere di tutt'Europa.
In Provenza consigliamo le Terme Hyères, le Terme di Bandol o di Aix en Provence.
In Riviera-Costa Azzurra, invece le località termali di Antibes o di Fayence.
Altre località termali francesi molto apprezzate sono quelle situate nella regione del Rodano Alpi.
Le Terme di Aix-Les Bains, vicino al Lago del Bourget, le Terme di Evian-Les Bains, Megève o Brides-Les-Bains, sono un esempio di localitá termali, incastonate negli splendidi paesaggi alpini, tra montagne e laghi incantati.
Assolutamente da non perdere Contrexéville o Vittel Cedex, nella Lorena, Canet en Roussillon o Le Grau du Roi, nel Languedoc Roussillon, e ancora, per chi adora l'odore salmastro dell'Atlantico le Terme di Le Touquet, bellissima località nel Nord Pas De Calais, a poche ore da Parigi e Lille.
Infine, in Corsica, niente di meglio delle Terme di Porticcio sul Golfo di Ajaccio.
In quasi tutti gli stabilimenti è anche possibile effettuare la vinoterapia, che ufficialmente ebbe i suoi natali proprio in terra francese. Si tratta di una terapia in cui l'uva ed i suoi derivati vengono utilizzati in diversi trattamenti utili a combattere soprattutto l'invecchiamento della pelle.

Buon Anno a Tutti e ...a presto!
Il Team di Termelandia.It

martedì 3 settembre 2013

ACQUE SULFUREE: CHE ODORE!

Mai sentito parlare di acque sulfuree?


Se è vero che comunemente l'acqua è inodore, vi assicuro che quando avrete odorato quest'acqua non lo penserete piú e, soprattutto, non lo scorderete piú!
Si tratta di una particolare acqua che vanta una quantità pari o superiore ad 1 mg di acido solfidrico per litro.
L'acqua sulfurea contiene solitamente anche altri elementi, tipo l'anidride carbonica, il calcio, il sodio, alcuni cloruri, ioduri, bromuri e bicarbonati. Tutti elementi che apportano enormi benefici all'organismo umano, se assunti nelle giuste dosi.
Studi effettuati sulle acque di tipo sulfureo sembrano confermare antichissime terapie termali, che utilizzavano questo tipo di acque per curare alcune patologie a carico di diversi apparati dell'organismo umano.
L'unico 'CONTRO' all'assunzione ed all'utilizzo di questo tipo di acqua deriva PERO' da un problema di 'accettazione', dato che quest'acqua possiede un odore assolutamente nauseabondo, simile a quello delle uova marce.
A dispetto dell'odore però le acque sulfuree sono la panacea di molti problemi fisiologici.
Da numerosi studi effettuati, le acque solfuree risultano particolarmente indicate nelle malattie croniche che riguardano l'orecchio, il naso, la faringe e la laringe; inoltre sono utilizzate nelle malattie osteoarticolari, nelle malattie del ricambio, nelle malattie cutanee e ginecologiche.
Le acque sulfuree vengono infatti facilmente assorbite dal nostro corpo durante i trattamenti effettuati alle terme, sia tramite trattamenti interni, come le cure idropiniche, le irrigazioni e l'aerosol, sia tramite trattamenti esterni, come i bagni termali o i fanghi termali.
Come per tutti i tipi di acque termali, si consiglia di assumere la bibita il più vicino possibile alla sorgente, in quanto le fasi di imbottigliamento, conservazione e riapertura nella fase dell'utilizzo, comportano perdite consistenti di gas, che denaturano le originarie caratteristiche dell'acqua.
E' interessante sottolineare che la presenza di sorgenti di acqua sulfurea è legata a fenomeni naturali come terremoti.
Esempio lampante è per esempio la nascita di sorgenti sulfuree dopo lo spaventoso terremoto che rase al suolo la medioevale Telesia (attuale Telese Terme - Benevento - Campania).
Dalle falde dei monti circostanti, inizió a zampillare quest'acqua dal caratteristico odore putrido, che fece in un primo tempo allontanare ogni forma di vita per chilometri, fino a che non si scoprí la bontá di queste acque puzzolenti.
Ricordiamo che prima di iniziare una qualsiasi cura fai da te è assolutamente necessario consultare un medico.
Per ulteriori informazioni sulla bontá delle acque sulfuree o per saperne di piú su altri tipi di acque termali, consultare Termelandia.It, alla sezione Acque Minerali.

A presto!
Il Team di Termelandia.It